Sono Pazzo di Chiara Galiazzo

copertina2

31 MAGGIO 2014: Tosi pazzi a Firenze

  • Pubblicato in Articoli

 

Il manicomio itinerante

E' straordinario come delle persone estranee possano diventare, grazie a un'interazione social quotidiana e un obiettivo comune – sostenere Chiara - una specie di seconda famiglia. Ai Tosi Pazzi è successo proprio così!

Durante Un Posto nel Mondo Tour 2013, nel quale si è potuto approfondire una conoscenza nata su Facebook, gli appartenenti al gruppo Sono Pazzo di Chiara Galiazzo hanno iniziato a prenderci gusto e a rendere i pre e i post concerto delle vere e proprio feste, con tanto di rinfreschi a pane e salame e vinello buono.

La conclusione del tour di Chiara non ha certo posto fine al desiderio di stare insieme. Le amicizie, che da virtuali sono diventate reali, hanno reso quasi fisiologico il bisogno di un raduno una tantum. La particolarità di questi incontri è senza dubbio il fatto che la cantante, a cui il gruppo si dedica...non c'è! Ma questo è solo un dettaglio che non smonta i Pazzi! L'importante è rivedersi e divertirsi! E poi, in un certo senso, Chiara è sempre tra noi, è il nostro legame, l'argomento principale di conversazione, il liet motiv ricorrente, con la sua faccia come immagine di sfondo nei cellulari e la sua voce nelle suonerie.

 

Firenze

Da tempo si pensava ad un raduno in una città che potesse essere a portata di mano geografica, per i vari Pazzi sparsi nella penisola. La scelta più ovvia sarebbe stata Roma, ma poi si è pensato a Firenze. E' stata senza dubbio una mossa azzeccata. Bellissima, in eterno movimento, caotica quanto basta, Firenze è invasa da turisti provenienti da tutto il mondo. Luogo ideale per schiamazzare e fare casino, confondendosi tra la folla.

Tra l'altro, una delle città con più simboli chiareschi! Siamo persino inciampati in una sosia di Chiara!

E proprio a Firenze, Chiara ha tenuto in novembre uno dei concerti più belli, registrando il sold out, un chiaro segno del destino. Quale posto migliore?

Firenze cartolina

 

 Ore 12.30 momento blu

Dopo due mesi di pianificazione, è finalmente arrivato il tanto agognato sabato 31 maggio. L'ora fissata per il ritrovo è alle 12.30. Il tempo di arrivare in città e liberarsi dei bagagli e via! Scatta ufficialmente l'invasione di Firenze da parte dei Pazzi!

Siamo una trentina, provenienti da svariati zone d'Italia: Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Friuli, Veneto, Toscana, Marche, Lazio e Calabria. Gli accenti si mescolano ai baci, agli abbracci, ai sorrisi. E' come non essersi mai lasciati, per chi già si conosce ed è anche l'occasione per conoscere chi non si è mai incontrato prima.

Nel ristorante in cui siamo, mentre i bicchieri si riempiono di buon Chianti, viene srotolato uno striscione lungo ben cinque metri con una splendida immagine di Chiara e il nome del gruppo stampato sopra, scritto in cinque lingue diverse, che avrà un certo successo tra i turisti con gli occhi a mandorla. Oltre al divertimento, il nostro obiettivo è diffondere il più possibile il verbo Chiaresco e lo faremo con impegno, dopo le ben meritate, soddisfacenti libagioni.

 

A zonzo a visitare monumenti: cronaca di momenti di vera Pazzia

 Il tempo è un po' tiranno, alcuni di noi torneranno a casa sabato sera, quindi si cercherà di visitare Firenze in pillole, con un passaggio nei luoghi simbolo della città. Girare con un gruppo di trenta persone, in una città affollatissima, sotto un caldo sole, sarà un'esperienza proprio da Pazzi.

 

Piazza del Duomo

Davanti alla perfezione della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, i Tosi muniti di striscione, bandiera e buona volontà, si mettono in posa. E sotto l'occhio vigile della Polizia, si salta e si intonano cori da stadio pro Chiara. Inevitabilmente, si attrae l'attenzione dei passanti, moltissimi dei quali turisti stranieri, che scattano foto con interesse.

I turisti Italiani presenti, incuriositi, si informano. E mentre alcuni domandano: "Ma chi è questa Chiara Galiazzo?" Altri chiedono: "Chiara è qui?" "Canta a Firenze, stasera?" "Cosa sta facendo adesso?"

E intanto che noi spieghiamo come stanno le cose, la pratica in Piazza del Duomo è quasi conclusa.

Tosi Pazzi Firenze piazza

 

 Piazza della Signoria

In questa seconda tappa, è il David di Michelangelo a farci da testimone. Sempre in posa con lo striscione davanti a Palazzo Vecchio, allegri e cordiali come sempre, ci prodighiamo a rispondere alle solite domande su Chiara. L'indottrinamento comporta una notevole dose di pazienza, ma ne vale la pena. Moltissime persone la conoscono già ed è evidente l'interesse che nutrono per lei. Firenze si sta rivelando una piazza molto buona per la nostra pubblicità per niente occulta.

Tosi Pazzi Firenze piazzale

 

Ponte Vecchio

E' nella terza tappa che i Tosi Pazzi danno il meglio di se. Il luogo è stipato di persone, il caldo punge, le gole sono arse dalla sete, ma ciò non ci impedirà di intonare Vieni con me a pieni polmoni. Canzone perfetta per il clima festoso e pazienza se parte qualche stecca di troppo nelle parti più alte della canzone (ma pure in quelle basse).

Anche in questa occasione, i turisti vengono attratti dal nostro folclore. Siamo finiti negli album fotografici di mezzo mondo. Quando si dice essere fotogenici.

Tosi Pazzi Firenze vari

 

Basilica di Santa Croce: Cappella dei Pazzi

Neanche a farlo apposta in Santa Croce c'è la Cappella dei Pazzi. Costruita nel XV secolo, è un mirabile esempio di architettura rinascimentale, opera di Filippo Brunelleschi. Senza voler mancare di rispetto alla bellezza del luogo, i Tosi Pazzi davanti alla Cappella dei Pazzi sono una coincidenza troppo ironica.

Quando arriviamo è tardi, la Cappella è chiusa a quell'ora, così ce ne andiamo, un po' insoddisfatti. Alla fine, i superstiti della spedizione, ce la faranno a visitarla! Non si poteva non vederla, oltre alla parte culturale, che non va mai trascurata, era soprattutto una questione di principio, eh!

Tosi Pazzi Firenze cappella

 

 Sorprese per la via

Ormai è tardo pomeriggio, alcuni Tosi controllano l'orologio, devono prendere il treno. Lungo la strada di ritorno, a pochi metri dalla Cappella dei Pazzi, qualcuno dei nostri ode la soave voce di Chiara, uscire da un negozio. La canzone è Trasparenze, che non è mai stata estratta come singolo. Il ragionamento nella mente dei Pazzi è fulmineo: deve essere per forza quella contenuta nell'album, ergo il proprietario del negozio è fan di Chiara.

Per sicurezza, tre o quattro Tosi si appostano nella bottega, in quel momento deserta, aspettando la canzone successiva. La titolare del negozio è semi nascosta dietro un carrello e quando parte Due Respiri, ormai sicuri, la avviciniamo. E' una ragazza giovane, di origine coreana, che un po' sorpresa, conferma di seguire Chiara. Intanto siamo entrati quasi tutti nel locale e lì si compie l'ennesimo delirio della giornata. Con la maglia blu in mano, cantiamo tutti insieme ciò che resta di Due Respiri.

Alla fine salutiamo la ragazza, che probabilmente non ha mai visto tutta quella gente dentro il suo negozio, felicissimi dell'esperienza appena vissuta.

 

Saluti e baci

L'aspetto peggiore dei raduni sono gli addii. La maggior parte dei Tosi presenti, torna a casa il sabato stesso, solo una decina di noi resterà a godersi il week end lungo. Come spesso succede, la giornata è scivolata via. Sapevamo che doveva accadere, ma per contrastare il dispiacere, ci si promette un altro raduno, magari a Roma, per non perdere l'abitudine ai colpi di testa.

La sensazione che resta è comunque positiva, un'altra incredibile giornata passata alla grande insieme a persone diverse per età, estrazione sociale, provenienza, con quasi niente in comune tranne la simpatia, l'altruismo, l'onestà e la passione per Chiara. Ci siamo accettati così, senza farci domande, divertendoci enormemente. Niente male per essere dei semi- sconosciuti, eh?

 Tosi Pazzi Firenze saluti

 

RINGRAZIAMENTI

E' giusto concludere la cronaca delle nostre imprese Pazze, con i dovuti tributi.

Grazie a Stefano Aytano e ad Alessandro Tatone, i quali si sono prodigati per organizzare e coordinare il raduno di Firenze. Inoltre sono gli ideatori e realizzatori dello striscione.

Grazie ai Tosi Pazzi che hanno partecipato, rendendo i nostri incontri dei momenti divertenti e felici.

Grazie a Daniele Natale, che ha fondato il gruppo Sono Pazzo di Chiara Galiazzo.

Grazie a tutti coloro che ogni giorno regalano il proprio tempo e le proprie energie per continuare a far vivere il gruppo e a sostenere Chiara.

E grazie a Chiara che, realizzando il suo sogno, ha contribuito a creare tutto questo.

Arrivederci, Tosi Pazzi! La prossima volta saremo ancora più numerosi!

 

Leggi tutto...

Login or Register

Facebook user?

You can use your Facebook account to sign into our site.

fb iconLog in with Facebook

LOG IN