Sono Pazzo di Chiara Galiazzo

copertina2

CHIARA e la sua doccia gelata per la campagna ANTI-SLA

Ice Bucket Challenge

 

Anche Chiara ha contribuito all'iniziativa dell'Ice Bucket Challenge, ovvero la sfida del secchio di acqua gelata, partita dagli Stati Uniti d'America e volta a sensibilizzare la collettività nei confronti della SLA, una malattia degenerativa che necessita continuamente di fondi per la ricerca.

Ormai la notizia è nota. La sfida del secchio, è stata raccolta da buona parte dei personaggi pubblici, che si sono coinvolti a vicenda attraverso delle nomination. Secchiate e nomination, riprese rigorosamente in un video da postare nel web e nei social network, sono state doverosamente seguite da una donazione a favore delle associazioni che si occupano di SLA, vero scopo della sfida.

La campagna mediatica imponente si è diffusa velocemente e ha visto partecipare, oltre a politici, atleti e persone di spettacolo, anche molta gente comune, che si è cimenta nella doccia gelata.

Anche in Italia ci siamo dati parecchio da fare. Quasi nessun personaggio pubblico si è rifiutato di dare il suo contributo e sfida dopo sfida, è arrivato il momento di Chiara, che appena tornata da pochi giorni di ferie, nominata da Michele Bravi, si è dedicata appena è stato possibile

 

Perché la doccia gelata

La doccia gelata è una iniziativa già vista in America per promuovere altre campagne benefiche. In ogni caso, in merito alla SLA, la doccia gelata ha un significato particolarmente simbolico. La secchiata d'acqua gelata ha lo scopo di far provare per qualche breve istante, a chi la riceve, la sensazione di irrigidimento muscolare e di disagio di chi è afflitto da questa malattia che, ricordiamo, ha un decorso inarrestabile fino alla morte.

L'impatto sulle donazioni

Indubbiamente la sfida del secchio si è diffusa come una pandemia, complice ancora una volta il web e il suo passaparola. Dopo pochi giorni, in America sono stati raccolti ben 42 milioni di dollari, contro i 2,1 dell'anno precedente.

In Italia, l'ultimo dato aggiornato di poco fa attesta le donazioni a Euro 290.000, dato cresciuto in maniera esponenziale durante il week end.

Quindi la campagna di sensibilizzazione ha raggiunto lo scopo di arrivare alle masse e di concretizzarsi nella raccolta dei fondi.

Che cos'è la SLA

Per capire che cos'è la SLA, riportiamo brevementei tratti salienti della malattia, ricavati dalsito dei A.I.S.L.A Onlus, organizzazione che si occupa di seguire e tutelare i malati di SLA e le loro famiglie:

 "La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), conosciuta anche come Morbo di Lou Gehrig, o anche Malattia di Charcot o malattia dei motoneuroni, è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce i motoneuroni, cioè le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria."

 

La degenerazione delle cellule avviene nel corso dei mesi e degli anni. Le persone colpite dalla SLA perdono via via l'uso dei movimenti, ma non delle facoltà cognitive.

Sempre dal sito dei A.I.S.L.A. Onlus:

"Ha una caratteristica che la rende particolarmente drammatica : pur bloccando progressivamente tutti i muscoli, non toglie la capacità di pensare e la volontà di rapportarsi agli altri. La mente resta vigile ma prigioniera in un corpo che diventa via via immobile. "

La SLA tende a colpire le persone tra i 40 e 70 anni, di ambo i sessi, sia pure con maggiore incidenza tra la popolazione maschile.

C'è comunque un dato interessante che riguarda l'aumento di persone che riescono a convivere con la SLA,  grazie all'informazione crescente e alle cure, sia pure solamente lenitive.

I fattori che possono favorire l'insorgenza della SLA sono ancora sconosciuti, ma probabilmente molteplici. La Ricerca scientifica è sempre al lavoro per stabilirne le cause e trovare cure sempre più adeguate.

Per informazioni più esaurienti, vi invitiamo a visitare il sito di A.I.S.L.A. Onlus, al seguente link:

 

Chiara, la doccia gelata e un appello a favore delle donazioni

E dulcis in fundo eccoci al video di Chiara, che con una delle sue faccette epiche e il vestito a pois preferito, si cimenta nella prova del secchio con tutta la semplicità di cui è capace.

Ecco il video:

Non ha nominato nessuno, però ha accompagnato il breve filmato, pubblicato su Instagram, con parole semplici ma significative, che vanno un po' al nocciolo della questione.

"Sicuramente a me una doccia fredda non cambia la vita, ma se facciamo tutti una donazione può cambiare la vita a qualcuno!"

Ed è a queste parole che vogliamo riagganciarci, perché riteniamo che Chiara abbia colto, come altri, il significato dell'iniziativa. Molto ha fatto discutere, in questi giorni, l'efficacia della doccia gelata. Si è letto di tutto un po', come era prevedibile. Quando un argomento è molto complesso e tocca le differenti sensibilità delle persone, ci sono molti aspetti da valutare, positivi e negativi.

Tra tanti timori, c'era la possibilità che la doccia gelata si trasformasse in una moda e che il gesto si riducesse a una goliardata da fare tra amici, sostituendo il gavettone con il secchio. La secchiata d'acqua è il mezzo per arrivare a diffondere il messaggio, ma non ha nessun valore se poi non si fa seguire una donazione, grande o piccola che sia.

Chiara, senza troppe parole, ha rilanciato la sfida a modo suo. Sfida che noi fan abbiamo raccolto e che rilanciamo nel suo stesso modo, ricordandovi il link delle donazioni:

Purtroppo è vero che si partecipa a queste iniziative solo se stimolati dai media e da campagne di forte impatto sociale come quella della SLA. Nel mondo vi sono molte piaghe che non vengono menzionate, ma si fa quel che si può, l'importante è non dimenticare ciò che è stato portato alla nostra attenzione. Perché la SLA, come molte altre malattie per cui non esiste rimedio, non è una moda. E' una realtà contro cui malati e familiari lottano ogni giorno.

 

Fonti:

Vota questo articolo
(3 Voti)

Ultimi da Sono Pazzo di Chiara Galiazzo

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Login or Register

Facebook user?

You can use your Facebook account to sign into our site.

fb iconLog in with Facebook

LOG IN